+355 67 404 5919 info@lacasanelcuore.org

1° giugno 2015: come ogni anno, La Casa Nel Cuore ha organizzato la festa di “1° giugno”, un grande evento con la partecipazione dei bambini più bisognosi. A questa attività hanno partecipato i bambini e gli adolescenti della comunità del villaggio Marqinet, un villaggio situato molto vicino alla città di Tirana.

I bambini e gli adolescenti di questa zona soffrono di povertà e analfabetismo, a seguito di un isolamento sociale ed economico nel quale si trovano le famiglie di questa zona. Questo gruppo di bambini e adolescenti hanno difficoltà nel frequentare la scuola e le altre attività di socializzazione a causa di problemi economici o di quella mentalità patriarcale che regna nel villaggio. Ci sono casi specifici in cui i bambini e gli adolescenti sono utilizzati dalla famiglia per lavorare, e molti di questi bambini e adolescenti non hanno modo di arrivare a Tirana o alle sue periferie: di conseguenza non vanno a scuola e non partecipano alle attività di socializzazione, come tutti gli altri bambini e adolescenti.

Questa attività, sviluppata da La Casa Nel Cuore, si è perciò concentrata sull’intrattenimento dei bambini e degli adolescenti e sulla socializzazione tra loro. Ma, anche con i volontari presenti, La Casa nel Cuore ha voluto trasmettere un messaggio importante: che tutti loro sono unici e molto importanti non solo per la loro famiglia, ma anche per tutta la società Albanese.

L’evento è iniziato alle 10:00 e si è concluso alle ore 12.30. Con l’assistenza dei volontari i bambini avevano preparato dei canti e uno spettacolo di danza, che hanno svolto davanti ai loro genitori e ai volontari.

I bambini hanno eseguito racconti, canzoni, spettacoli di danza come:

  1. “A,B,C – song”
  2. “Bailando”
  3. “Happy”
  4. “Five little monkeys”
  5. “La bella e la Bestia”
  6. “Break dance”
  7. “If you’re happy”
  8. “Tre passi avanti”
  9. “Danza Indiana”
  10. “All about the bass”
  11. “Heads, shoulders, knees and toes”

Sono stati i bambini stessi che hanno presentato l’evento con la loro flessibilità e fluidità nel parlare. Il punto culminante del festival è stato la messa in scena della fiaba “La Bella e la Bestia”, che i genitori e i volontari hanno molto applaudito. Per i bambini, i volontari e i genitori è stato servito anche un cocktail al termine dell’attività.